SI ALZA IL SIPARIO SULLE GIORNATE TONIOLO 2021

19 e 20 giugno a Pieve di Soligo e in diocesi di Vittorio Veneto

 

Nella conferenza stampa svoltasi il 14 giugno nella sede municipale Vaccari di Pieve di Soligo,  un dato è emerso eloquente negli interventi di tutti i partecipanti: Le Giornate Toniolo 2021 saranno un appuntamento di rilievo nazionale, nel quale si darà nuova luce e proiezione futura alla straordinaria attualità degli insegnamenti del grande economista e sociologo trevigiano Giuseppe Toniolo (1845 – 1918), leader riconosciuto del movimento cattolico in Italia e in Europa tra fine ‘800 e inizi ‘900, il primo economista beato nella storia della Chiesa, le cui spoglie mortali sono custodite nel Duomo di Pieve di Soligo, città natale della moglie  Maria Schiratti.  

L’iniziativa è stata voluta dall’Istituto Diocesano Beato Toniolo. Le vie dei Santi,    che ha sede proprio a Pieve di Soligo, per ricordare il cinquantesimo anniversario del decreto sull’eroicità delle virtù del beato Toniolo, emanato da San Paolo VI il 14 giugno 1971, e il centenario di fondazione (1921) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, che ha intitolato proprio a Giuseppe Toniolo l’Istituto di Studi Superiori dell’Ateneo, riconoscendo il suo ruolo fondamentale di ispiratore e sostenitore.

Davvero importanti e significativi i patrocini di livello nazionale alle Giornate Toniolo: l’Università Cattolica del Sacro Cuore, il Comitato nazionale per la canonizzazione del beato Giuseppe Toniolo, la Fondazione Giulio Pastore, l’Archivio Mario Romani, la Fondazione Fai Cisl e il Festival della Dottrina Sociale, insieme alla Città di Pieve di Soligo. Da sottolineare la collaborazione del Collegio Balbi Valier, della parrocchia di Pieve, della rete Vite Illustri Pieve di Soligo e dell’ufficio per l’arte sacra e i beni culturali della diocesi di Vittorio Veneto. Sponsor principale dell’evento Banca Prealpi San Biagio, banca di credito cooperativo del Gruppo Cassa Centrale, alla quale si affianca un folto e qualificato gruppo di aziende e realtà economiche e sociali.  

Ha introdotto la conferenza stampa in municipio, proposta in diretta anche sul canale you tube del comune di Pieve di Soligo,  il presidente del “Beato Toniolo”, Stefano Zanin, che ha evidenziato l’impegno in continuità dell’Istituto Diocesano per far conoscere e promuovere i valori  e l’essenza dell’opera lungimirante del beato Toniolo sul territorio della diocesi, in collegamento con tutta la realtà nazionale tonioliana. Gli ha fatto eco in videoconferenza da Assisi l’arcivescovo Domenico Sorrentino,  presidente del comitato nazionale per la canonizzazione del beato Toniolo, autore di biografie, studi e saggi sul professore pisano, che ha rimarcato il “voglio farmi santo” del Toniolo e la sua visione di una “società di santi” ispirata al messaggio evangelico.  L’apprezzamento e il sostegno dell’amministrazione comunale di Pieve di Soligo è stato portato all’incontro dalla  vice sindaco e assessore alla cultura Luisa Cigagna, che ha sottolineato la straordinaria attualità del pensiero tonioliano.

Molto apprezzato il video emozionale sulle Giornate Toniolo 2021 presentato in sala dall’Istituto Beato Toniolo, grazie all’ottima ideazione e realizzazione tecnica di Gino Sutto, dello staff comunicazione, e al coordinamento del direttore scientifico Marco Zabotti.  In collegamento video da Roma è quindi intervenuto il presidente della Fondazione Fai Cisl, Vincenzo Conso, che come curatore ha parlato del libro “L’attualità di Giuseppe Toniolo nel Terzo Millennio”, uscito nel 2018,  ricordando la sua genesi in un convegno del 2014 svoltosi proprio a Pieve di Soligo, e pure la ricorrenza nel 2021 dei 120 anni della Rerum Novarum e dei 30 anni della Centesimus Annus, encicliche capisaldi della dottrina sociale della Chiesa.    Nicola Sergio Stefani, componente cda di Banca Prealpi San Biagio – che ha parlato in sostituzione del presidente Carlo Antiga, impossibilitato a presenziare a causa di sopravvenuti e inderogabili impegni – ha messo in luce il convinto sostegno all’iniziativa come sponsor principale da parte dell’Istituto di credito cooperativo, l’impegno mutualistico svolto a vari livelli sul territorio e l’attenzione rivolta ai giovani e alle famiglie. Per parte sua, in videoconferenza da Milano, Aldo Carera, docente alla Cattolica e presidente della Fondazione Giulio Pastore, ha rimarcato in particolare il contributo arrivato alla conoscenza della visione tonioliana dalle produzioni scientifiche del Vescovo Sorrentino e anche dal grande lavoro svolto con il convegno della Cattolica del novembre 2018, raccolto ora nel volume degli atti che per la prima volta verrà presentato in presenza all’evento del 19 giugno a Pieve di Soligo. Carera ha anche avuto parole di elogio per l’attività costante dell’Istituto Beato Toniolo di Pieve e per la sua capacità di fare rete con i soggetti del territorio.    

In conferenza sono arrivati in presenza anche i saluti e le considerazioni molto favorevoli alle Giornate Toniolo 2021 da parte dell’arciprete di Pieve di Soligo, monsignor Giuseppe Nadal, e del presidente del Gal dell’Alta Marca Trevigiana, Giuseppe Carlet. Sul tema della visione di futuro e della necessità di costruire oggi progetti innovativi sul modello del Toniolo si è soffermato quindi Marco Zabotti, coordinatore della mattinata, autore del volume “Le Cose Nuove”, che ha parlato del dono di avere Toniolo a Pieve e in diocesi e della responsabilità di custodire e di declinare la sua lezione di fede, cultura, società ed economia nella prospettiva della comunità attuale e di domani.

Zabotti e Zanin hanno concluso illustrando la seconda giornata tonioliana di domenica 20 giugno pomeriggio, che vedrà l’apertura straordinaria di sette chiese del territorio, a disposizione di fedeli, pellegrini e visitatori, in linea con la “mission” statutaria e l’attività costante condotta in questi anni dal “Beato Toniolo”      

Per informazioni e prenotazioni in merito agli eventi, scrivere a  info@beatotoniolo.it

Sabato 19 giugno 2021                                                                                                                                 Sarà il direttore de L’Azione, don Alessio Magoga, a coordinare i dialoghi sui tre libri dedicati al Toniolo che saranno al centro dell’evento di sabato pomeriggio 19 giugno al Collegio Balbi Valier di Pieve di Soligo, nell’ambito delle Giornate Toniolo 2021. “Giuseppe Toniolo. La santità laicale cambia il mondo” è il titolo dell’incontro: sono previsti gli interventi di Vincenzo Conso, presidente di Fondazione Fai Cisl, curatore insieme a Ludovico Ferro del volume “L’attualità di Giuseppe Toniolo nel Terzo Millennio” (Rubbettino, 2018), di Marco Zabotti, direttore scientifico dell’Istituto Beato Toniolo, autore del volume “Le Cose Nuove. Rinascere più forti, sulle orme del Toniolo” (La Piave Editore, 2020), e di Aldo Carera, docente all’Università Cattolica, presidente di Fondazione Giulio Pastore e direttore dell’Archivio Mario Romani, curatore insieme a Domenico Bodega del volume “Economia e società per il bene comune. La lezione di Giuseppe Toniolo (1918 – 2018)” (Vita e Pensiero, 2020).  

 

Le conclusioni sono affidate a un’ospite d’eccezione, il Vescovo Claudio Giuliodori, assistente ecclesiastico generale Università Cattolica del Sacro Cuore, presidente della commissione episcopale per l’educazione cattolica, la scuola e l’università.

 

In particolare, il meeting pievigino segna la prima occasione di illustrazione in presenza in Italia del libro a cura di Bodega e Carera, che raccoglie gli atti del grande convegno nazionale svoltosi all’Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano il 24 novembre 2018, a conclusione delle celebrazioni per il centenario della morte del grande economista e sociologo cattolico.

 “In questo volume, per la prima volta – si legge nell’introduzione – l’attualità di Toniolo è  accostata all’interno di una struttura organicamente concepita con l’apporto delle più qualificate e autorevoli voci del mondo cattolico. Brevi testi rigorosi di taglio divulgativo sono raccolti distinguendo tre ordini di questioni: i rapporti tra etica ed economia; la democrazia e l’azione sociale; l’etica civile, la pace e la democrazia”. Inoltre, sarà parte significativa dell’evento l’illustrazione del libro di Conso e Ferro pubblicato per iniziativa della Fondazione Fai Cisl, con un progetto editoriale nato a partire da un importante convegno svoltosi a febbraio 2014 proprio nella città che nel suo Duomo custodisce le spoglie mortali del professore trevigiano. Spazio anche al recente volume di Marco Zabotti, riflessione sull’attualità del messaggio tonioliano al tempo della pandemia. 

L’incontro in presenza di Pieve, in programma dalle 16.30 alle 18, sarà trasmesso in diretta streaming sul sito web, il canale youtube e le pagine facebook de La Tenda Tv.  

 

Sempre il 19 sera, da sottolineare la solenne concelebrazione in Duomo alle 18.30 presieduta dal Vescovo Giuliodori, e alle 20.45 il concerto in onore del beato Toniolo con il Coro e Orchestra “In Musica Gaudium”, diretto dal maestro Battista Pradal.                                 

 

Domenica 20 giugno 2021

Nella giornata seguente di domenica 20 giugno pomeriggio, con due appuntamenti alle 15 e alle 17, in tutti i luoghi prescelti, ci sarà l’apertura straordinaria di sette chiese del territorio della diocesi di Vittorio Veneto nelle terre Unesco dell’Alta Marca e delle Dolomiti: Abbazia di Follina e Foresteria Santa Maria, antica Pieve di San Pietro di Feletto, chiesa parrocchiale SS. Pietro e Paolo a Soligo, Chiesa della Madonna dei Broi a Farra di Soligo, Chiesa di San Bernardo a Cesana di Lentiai Borgo Valbelluna (Bl), Eremo di San Donato a Lentiai Borgo Valbelluna (Bl), Chiesa di Sant’Antonio a San Giacomo di Veglia di Vittorio Veneto. 

Le visite guidate da parte degli esperti d’arte e degli operatori culturali dell’Istituto Diocesano “Beato Toniolo. Le vie dei Santi”, aderendo all’iniziativa estiva dell’ufficio nazionale CEI “Ora viene il Bello”.  

Clicca qui per vedere il programma dettagliato delle giornate

                       

 

 

Chiudi il menu