Beato Toniolo, pienezza di umanità e santità

Beato Toniolo, pienezza di umanità e santità
Nel 2016 anche il premio intitolato al grande sociologo cattolico

Pienezza di umanità, pienezza di vita cristiana. Un cammino tra fede e territorio ispirato ai luoghi e ai volti concreti di una feconda tradizione religiosa che illumina e santifica ogni ambito dell’esistenza nel segno della bellezza, della cultura, della socialità, dell’impresa economica sana e giusta, della valorizzazione delle comunità. Ecco “Beato Toniolo. Le vie dei santi”, che a livello diocesano sta consolidando il suo percorso, sulla scia del “pensiero-azione” del grande sociologo ed economista cattolico Giuseppe Toniolo (1845-1918), sepolto nel duomo di Pieve di Soligo e proclamato beato nel 2012.

Pieve di Soligo è il punto di partenza: qui si celebra ogni 7 del mese la messa nel giorno dedicato al Toniolo, e qui si riunisce il Comitato per la canonizzazione dell’insigne docente trevigiano.

E sempre qui si registra un fervore di iniziative legate a visite di gruppi e delegazioni nella terra del beato. Da qui si sviluppano un’intuizione, una riflessione, uno sguardo particolare sulle vie dei santi del nostro territorio, perché tutto possa essere ricompreso in un’ottica di religiosità e di umanità vera, popolare e realmente vissuta.

Nascono un logo, una pubblicazione, un sito web, un simbolo di cultura e spiritualità, arte e bellezza. Dal basso, si diffonde un passaparola virtuoso che coinvolge decine di appassionati e volontari alla riscoperta delle chiese e dei luoghi sacri del territorio. Oggi due corsi di formazione per operatori culturali sono già alle spalle, un terzo prenderà il via nei primi mesi del nuovo anno. Così si decide l’apertura straordinaria di ventuno siti della diocesi nelle domeniche dello scorso mese di maggio, con l’idea di procedere in altre occasioni future in stretta collaborazione con associazioni e istituzioni del territorio.

Molto bella e ben riuscita, quindi, l’accoglienza dei visitatori nella chiesa arcipretale di Cison di Valmarino nella recente edizione 2015 dei mercatini natalizi. E l’iniziativa si ripeterà durante le festività alla mostra dei presepi di Mura, al presepio vivente di Collalto e alla serata dei panevin del Consorzio Pro loco QdP il 5 gennaio a San Pietro di Feletto.

Con lo stesso spirito di attenzione concreta alla vita delle nostre comunità, si sviluppa la proposta di turismo religioso in diocesi, capace di incontrare i tanti motivi di richiamo e di attrazione della nostra terra.

Ecco dunque il progetto vittoriese inserito poi in Across Veneto, la presentazione regionale a Vittorio Veneto, l’apprezzamento e la valorizzazione a livello nazionale, la partecipazione alla Borsa internazionale del turismo religioso a Padova. Ora si è al lavoro per allargare il quadro dei “testimonial” che sostengono il progetto e per costruire una rete di impresa e di sinergie innovative con il territorio.

E il 2016 sarà anche l’anno della prima edizione del Premio Giuseppe Toniolo, per declinare al futuro una grande storia di umanità e di santità.

Marco Zabotti

 

dal settimanale diocesano L’Azione, del 27 dicembre 2015

Chiudi il menu